Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies

Contributo affitti

E’ possibile presentare la domanda fino al 10 novembre “A fronte del taglio delle risorse statali, abbiamo raddoppiato quelle messe a disposizione dal Comune”

Data:

Fino al 10 novembre è possibile presentare domanda per il contributo ad integrazione del canone di locazione che verrà erogato in base al numero di mensilità pagate durante l’anno oggetto del bando. “I contributi a disposizione sono stati fortemente ridotti rispetto allo scorso anno, a causa dei tagli del Governo - evidenzia il sindaco Massimo Fedeli -. Lo scorso anno i fondi a disposizione ammontavano a circa 45mila euro, di cui 33mila da parte dello Stato. Quest’anno invece a fronte del mancato contributo statale, sul piatto ci sono soltanto le risorse messe a disposizione dal Comune. Proprio questa mattina in Consiglio Comunale abbiamo approvato una variazione di bilancio per aumentare quasi del 100 per cento le risorse comunali destinate al contributo, arrivando così a 20mila euro. Ci rendiamo conto quotidianamente di quanto questo contributo sia importante per sostenere le fasce deboli e gestire l’emergenza abitativa, soprattutto in un momento come questo, in cui le famiglie a basso reddito non hanno solo difficoltà a pagare l’affitto, ma anche le bollette di luce e gas e subiscono il peso dell’inflazione anche per i generi di prima necessità. Quindi ci siamo impegnati per trovare risorse con cui integrare il fondo affitti, dopo che il Governo ha azzerato il proprio contributo, ma l’auspicio è che questa decisione sia rivista: i Comuni, soprattutto quelli più piccoli, non possono coprirlo da soli”.  

Il modulo di domanda è scaricabile sul sito del Comune di Bibbona (nella sezione Servizi e uffici/servizi sociali/contributi economici) oppure è disponibile presso l'Ufficio Servizi Demografici/Politiche Sociali del Comune di Bibbona. Può essere presentato dal richiedente (o delegato) presso l’Ufficio Protocollo dal lunedì al venerdì dalle 09:00 alle 12:30 o, in alternativa, potrà essere trasmesso tramite posta elettronica certificata a comune.bibbona@pec.it o posta elettronica semplice a servizidemografici@comune.bibbona.li.it.

Per richiedere il contributo è necessario il possesso dei requisiti previsti dal bando tra i quali:

-      essere cittadino italiano;
-      essere cittadino di uno stato appartenente all’Unione Europea;

-      essere cittadino di uno Stato non appartenente all'Unione Europea titolare di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, o di permesso di soggiorno in corso di validità di durata non inferiore ad un anno o della carta di soggiorno;
-      residenza anagrafica nel Comune di Bibbona nell'alloggio per il quale si richiede il contributo;
-      possesso di contratto di affitto regolarmente registrato e in regola con le vidimazioni annuali (ad eccezione dei casi in cui il proprietario abbia optato per la cedolare secca);
-     essere in possesso di attestazione ISEE 2023  in corso di validità con un valore dell'ISE non superiore a  € 32.048,52 e con un valore ISEE non superiore a € 16.500,00; 
-      non assegnatario alloggio di edilizia residenziale pubblica (alloggi ERP);
-      non essere conduttore di abitazione di tipo signorile;
-      assenza di titolarità, unitamente a tutti i componenti il proprio nucleo familiare, di diritti di proprietà, usufrutto,  uso e abitazione su alloggio nel Comune di Bibbona e nei comuni limitrofi a distanza pari o inferiore a km 50 dal Comune dove si è presentato domanda;
-      assenza di titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su immobili ad uso abitativo o quote di      esso, ubicati nel territorio italiano o all'estero il cui valore complessivo sia superiore a € 25.000,00, ad eccezione dei casi in cui tale valore risulti superiore al suddetto limite per l'accertata necessità di utilizzo di tali beni per lo svolgimento della propria attività lavorativa prevalente del richiedente;
-      i cittadini stranieri devono entro e non oltre il 31.12.2023, produrre una certificazione del loro Paese di origine,  debitamente tradotta secondo la normativa vigente, riguardo all’assenza di proprietà, usufrutto, uso e  abitazione  su immobili ad uso abitativo ubicati nel loro Paese. Tale certificazione deve riguardare ogni  singolo  componente del nucleo familiare.

Per ulteriori informazioni clicca qui

Ultimo aggiornamento: 12/10/2023, 09:55

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri

Contatta il comune

Problemi in città

  • Segnala disservizio